fbpx
Menu

Articoli Correlati

Ultimi Articoli

La sezione aurea disegna il cranio umano


Rocco Iannalfo
La sezione aurea disegna il cranio umano

Esaminando la forma del nostro cranio è possibile trovare il rapporto aureo. La cosiddetta divina proporzione, descritta da Leonardo da Vinci e Luca Pacioli, è un numero infinito che osserviamo spesso in natura, arte e matematica.

Ti può interessare anche: L’autismo e la rivoluzione artistica nell’era glaciale

Un rapporto aureo per funzioni cognitive più elevate

Uno studio dei ricercatori della Johns Hopkins University ha confrontato 100 teschi umani con 70 teschi di altre sei specie animali per verificare se le loro dimensioni seguissero o meno la sezione aurea.

I risultati hanno mostrato che solo nell’uomo è possibile osservare il numero aureo; le proporzioni dei crani di cani, conigli, leoni, tigri e due specie di scimmie differiscono da questo rapporto.

10 REGALI PER LO PSICOLOGO FREUD ADDICTED

Il Dott. Rafael Tamargo, professore di neurochirurgia e autore dello studio, ha affermato:

Gli altri mammiferi che abbiamo esaminato presentano dei rapporti che si avvicinano al rapporto aureo quanto più è elevata la complessità della specie. Riteniamo che questa scoperta possa avere importanti implicazioni antropologiche ed evolutive.

Nelle intenzioni degli autori dello studio c’è quindi la volontà di esplorare in futuro una possibile correlazione tra la sezione aurea e funzioni cognitive.

Prima di questo studio il Dott. Tamargo era già noto nell’ambiente scientifico per il suo interesse per la storia e l’anatomia, che nel 2010 lo ha portato a pubblicare una ricerca in cui sosteneva che le immagini di un cervello umano e del midollo spinale fossero presenti nella rappresentazione di Dio negli affreschi della Cappella Sistina di Michelangelo.

Sito web per psicologi - Marketing per Psicologi

I dettagli dello studio

Il rapporto aureo – identificato con la lettera dell’alfabeto greco Phi o Φ – è una quantità che spesso osserviamo in natura, ad esempio nella forma di pigne, conchiglie, galassie ed uragani.

Per secoli, la sezione aurea è stato identificata nell’anatomia umana e negli ultimi decenni anche nella fisiologia umana.

L’anatomia e l’evoluzione del cranio umano sono state al centro di svariati studi; sviluppandosi nel corso dei millenni, il nostro cranio ha raggiunto un’elegante armonizzazione di struttura e funzione.

I ricercatori hanno esaminato le dimensioni dei crani, focalizzandosi sulla linea mediana del perimetro craniale tra il nasion – punto craniometrico situato alla radice del naso, sulla sutura naso-frontale – e l’inion – il punto craniometrico che rappresenta la sommità della protuberanza occipitale esterna dell’osso occipitale – e sulla sua divisione in 2 sotto-archi al livello del bregma – il punto di congiunzione dell’osso frontale coi due parietali sul vertice del cranio.

La sezione aurea disegna il cranio umano

Confrontando i teschi umani e degli animali è emerso che nell’uomo le misure delle due curvature sono simili e approssimabili al valore della sezione aurea.

Nelle altre 6 specie di mammiferi, questi 2 rapporti non erano solo diversi, ma anche unici per ciascuna specie. La differenza tra i rapporti ha mostrato una tendenza alla convergenza verso il valore di phi al crescere della complessità delle specie.

Ma questa ultima correlazione va verificata scientificamente per comprendere se effettivamente ci sia un legame tra le funzioni cognitive e una misura che da sempre affascina gli scienziati, la divina proporzione.

Letture consigliate

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Articoli Correlati

Neuroscienze

Come prevedere un sano invecchiamento del cervello

L'abilità di modulare l'attività cerebrale per raggiungere un obiettivo è un buon indicatore del processo di invecchiamento.

Postato da Rocco Iannalfo
Neuroscienze

Cosa accade al nostro cervello quando ci innamoriamo?

Uno studio della Emory University ha esaminato attraverso l'utilizzo di tecniche di neuroimmagine cosa accade nel cervello quando ci innamoriamo.

Postato da Rocco Iannalfo

Psico·pato·logia utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o qualcuno di questi, leggi la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi