Arugamama

Smettere di procrastinare con la terapia dell'azione


Valentina Ambrosio

Lo faccio domani…

Oggi proprio non mi va di fare questa cosa…

Sono troppo stanco per farlo…

Domani giuro che lo faccio!

Quanto siamo abili nel dire che dovremmo smettere di procrastinare ma alla fine non lo facciamo mai?

Quante volte abbiamo rimandato – più e più volte – impegni personali, piccole commissioni e incombenze domestiche?

E poi magari la motivazione non arriva, aumenta l’imbarazzo, diminuisce la disponibilità. Ciò può generare un circolo vizioso di frustrazione, rabbia, insoddisfazione, demotivazione e inerzia.

Come interrompere questa spirale di emozioni e pensieri negativi? Molti psicologi consiglierebbero di prendere consapevolezza delle proprie emozioni, di comprendere le cause, di leggere il messaggio profondo nascosto dietro ai propri agiti o, per dirla meglio, dietro questa fastidiosa tendenza a procrastinare.

Ciò deriva da una tradizione culturale e valoriale – tipica occidentale – dedita a cancellare o quantomeno ridimensionare la tristezza, l’apatia, la mancanza di desiderio e lo scarso entusiasmo per e nella vita.

Viviamo in una società che ci vuole sempre operativi, sorridenti e attivi.

10 REGALI PER LO PSICOLOGO FREUD ADDICTED

La terapia Morita

La terapia Morita, che prende il nome dal suo fondatore, propone invece l’esatto opposto.

Partendo dal presupposto che è controproducente imporsi di stare bene e voler fare le cose, la terapia afferma che è essenziale accettare il proprio stato d’animo presente.

È impossibile pretendere di essere motivati o volenterosi quando non si ha la forza fisica e mentale per svolgere un’attività. Per cui perché semplicemente non accettarlo e passare ugualmente all’azione?

I sentimenti sono una risposta a ciò che ci accade quotidianamente, bisogna smettere di procrastinare, rimuginare e agire al massimo delle nostre potenzialità nel qui ed ora.

Le idee proposte e applicate da Morita si basano sui principi zen dell’accettazione, sull’impossibilità di cambiare il corso degli eventi e sulla loro incontrollabilità, e sulla spinta all’azione.

Ti può interessare anche: Sekkusu shinai shokogun – La sindrome del celibato

Prendere atto delle cose così come sono

Tradotto in una parola: arugamama: in senso letterale prendere atto delle cose così come sono.

Ovvero accetta i tuoi pensieri ed emozioni e mantieni il focus sui tuoi obiettivi.

Anziché disperdere energie nel procrastinare rimboccati le maniche e fai quella telefonata, vai in palestra, concludi quell’articolo, sistema la scrivania.

Scomponi la parte emozionale dalla parte pratica. L’azione acquista maggior valore dell’emozione, perché una modificherà l’altra in un effetto cascata.

Certo, pare facile a dirsi, difficile a farsi. Lo ammetto, l’ho pensato anche io! E allora come evitare ulteriori fallimenti?

Partendo da piccoli, microscopici, ma fondamentali passi in avanti. Costanti, lenti, ma quotidiani.

Un minuto al giorno, un gradino, una pagina di un libro, una sigaretta in meno.

Agendo, la motivazione arriverà e sarà il motore ad andare avanti.

Sito web per psicologi - Marketing per Psicologi

Tuttavia agire non significa tenere la mente occupata e non pensare, ma evitare di impantanarci nel cattivo umore e nello stress che ci paralizzano e ci confondono le idee.

Attenzione, quindi, a non confondere la procrastinazione con l’operatività (mi attivo per non pensare a ciò che dovrei realmente fare ma mi pesa e mi illudo di non aver il tempo).

Se vi ha appassionato l’argomento e la procrastinazione è una vostra acerrima nemica, vi consiglio di leggere L’arte di passare all’azione di Gregg Krech.

Letture consigliate

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Articoli Correlati

Bambini

Accompagnare i ragazzi all’inizio della scuola

Il passaggio alla scuola, come tutte le fasi di passaggio della vita, è molto delicato e deve essere affrontato con gradualità e con i dovuti accorgimenti.

Postato da Angela Maluccio
Psicologia

Lo stalking: cosa occorre sapere al riguardo

Il termine stalking indica una serie di comportamenti ripetuti ed intrusivi da parte del perseguitore: molestie, minacce, pedinamenti, controllo.

Postato da Maria La Russa