È risaputo che il dolore è personale. Ognuno di noi soffre a proprio modo.

Ma è possibile disegnare i lineamenti del dolore? Dargli un volto?

O una struttura, una forma?

In fondo, si usano metafore per descrivere la sofferenza attribuendole caratteristiche fisiche o usando immagini che rimandano a oggetti e entità.

Per i giapponesi invece sì, il dolore ha un volto, e si traduce con il termine kijō.

10 REGALI PER LO PSICOLOGO FREUD ADDICTED

Il dolore nel corpo e nell’anima

La comunicazione non verbale, poi, tradisce ciò che non vogliamo far trasparire a voce.

Gli occhi gonfi, i capelli spettinati, un andatura lenta, lo sguardo perso o l’essere sovrappensiero. È facile capire che chi ci sta vicino ha qualcosa che lo tormenta.

Il dolore si fa strada nel corpo e nell’anima, si espande, come una piccola crepa che si allarga appena la tocchi.

E dirompe ed esplode – in un pianto, in un urlo, o in un singhiozzare commosso.

Ognuno lo esprime diversamente e può capitare non solo che la stessa situazione sia vissuta diversamente da due persone, ma che la persona stessa cambi il suo modo di attraversare il dolore.

Perché? Perché la sofferenza è mutabile, è come l’acqua, prende la forma di ciò che la contiene e si adatta a chi la accoglie.

Muta così come tutte le cose che ci circondano. Si evolve, si trasforma, ci fortifica, oppure ci mette alla prova e ci colpisce.

Ogni volta in maniera diversa, ogni volta prende nuovi connotati.

Ti può interessare anche: Arugamama – Smettere di procrastinare con la terapia dell’azione

La compostezza nel dolore

La nostra cultura enfatizza l’espressione collettiva del dolore; la vedovanza e il lutto andavano portati per anni, la disperazione per la perdita di un parente è spesso resa pubblica sui social e sui media, c’è una dimensione pubblica che per i giapponesi invece, è tenuta estremamente lontana.

Il Giappone, contrariamente a quanto si può pensare non rifugge il dolore, semplicemente lo rilega ad una sfera intima e personale della propria vita.

Si parte dal presupposto che la sofferenza va vissuta in modo soggettivo e personale. Si soffre, tuttavia non bisogna addolorare chi ci è vicino.

È il concetto di kijō, cioè il volto del dolore per i giapponesi.

Significa compostezza: ovvero la sofferenza esiste, ha un volto ed è esperita, ma mai in maniera plateale o esagerata.

Sito web per psicologi - Marketing per Psicologi

La parola è composta da due kanji che racchiudono l’essenza dell’esperienza del dolore per i giapponesi: la forza d’animo, la resistenza, la capacità di accettare gli eventi della vita con spirito forte e sereno.

La cultura nipponica insegna che non bisogna prevaricare l’altro nel rispetto reciproco.

Significa che non c’è una classifica di chi soffre di più per una determinata situazione, che il tuo dolore vale e pesa quanto l’altro e bisogna semplicemente sostenersi l’un l’altro, stringendosi con compassione.

Letture consigliate

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Articoli Correlati

Lutto

La morte nel nuovo millennio

Come cambia il modo di affrontare la morte nel nuovo millennio? Non si condivide più il dolore, non c'è spazio per l'elaborazione condivisa e la sofferenza.

Postato da Valentina Ambrosio
Bambini

Il cervello dei papà reagisce in base al genere del figli

Uno recente studio scientifico ha esaminato le differenze di comportamento, linguaggio e attività cerebrale dei papà nei confronti dei loro figli.

Postato da Rocco Iannalfo