fbpx
Menu

Articoli Correlati

Ultimi Articoli

Danshari

Fare spazio e ordinare dentro e fuori di sé


Valentina Ambrosio

Il Danshari è una tecnica, relativamente recente, che insegna a fare spazio ed ordinare il proprio caos esterno e interno.

Può sembrare assurdo, ma se si sposano le indicazioni proposte dal danshari si raggiungerà un maggior livello di benessere e di leggerezza.

Danshari è una parola giapponese composta da tre ideogrammi:

  • DanButtare, ovvero liberarsi di cose e legami che ci appesantiscono e occupano spazio, di cui non abbiamo realmente bisogno o che non desideriamo più.
  • ShaRifiutare, ovvero respingere tutto ciò che è inutile e tenta di entrare nelle nostre case o nella nostra vita.
  • RiAllontanarsi, ovvero separarsi inteso come il movimento – psicologico e pratico – di distacco che si raggiunge praticando danshari.

Il messaggio racchiuso in tale principio spinge a liberarsi dell’eccesso e consente di scegliere con attenzione cosa realmente si desidera, di buttare via, di fare spazio prima fisico e poi mentale, di ordinare la propria vita.

Sebbene nasca come una teoria minimalista che orienta al riordino e all’eliminazione del superfluo, in poco tempo i principi del danshari – che attingono dallo yoga e dallo shintoismo – sono diventati una filosofia di vita.

Così mentre si metterà a posto la libreria o la cantina, si imparerà ad applicare la regola del fare ordine e a staccarsi ad altri ambiti della propria vita – lavoro, partner, amici, parenti, ecc.

Ti può interessare anche: Death Education: imparare a comprendere la morte

Applicare il danshari nella vita quotidiana: dagli oggetti…

Con coraggio, apri i cassetti, sali sugli scaffali più alti e polverosi, scendi in cantina o nel garage, immergiti negli anfratti di casa tua e inizia ad osservare con occhio critico e distaccato tutti gli abiti, i soprammobili, i libri, e gli innumerevoli piccoli e grandi oggetti che hai conservato perché un giorno potrei rimettere o usare.

10 REGALI PER LO PSICOLOGO FREUD ADDICTED

Danshari inneggia al minimalismo, ma non rinnega l’amore per oggetti o cose. Insegna, piuttosto, a sviluppare un attaccamento materiale più sano e meno morboso.

Significa, nel pratico, separarsi nel quotidiano da ciò che è passato, che non ha più senso di esistere, che ha cessato la sua funzione.

Così con dolore si butta via la tazzina sbeccata con cui puntualmente ci facevamo male o  i bavaglini logori del nostro bimbo a cui siamo teneramente legati.

Con amarezza si regala la cornice barocca ricevuta in eredità dalla vecchia prozia per il matrimonio – ma che non abbiamo lo spazio e la voglia di esibire in casa – o quei pantaloni che ci ricordano quando e quanto eravamo magre 20 anni fa.

Danshari invita a concentrarsi su sé stessi, nel presente, a focalizzarsi sui propri desideri e bisogni attuali.

Più aumentano i comfort, e si ingrandiscono a volte, più diminuisce il tempo e la cura che si può dedicare alla propria vita.

A tal proposito, Hideko Yamashita, ideatrice del metodo ed esperta di disordine, ritiene che il danshari sia un ottimo antidoto alle manie del nostro millennio: lo spreco, il consumo eccessivo risorse, l’accumulo compulsivo di oggetti e beni materiali.

Sito web per psicologi - Marketing per Psicologi

…alle relazioni

Allo stesso modo, si può ampliare la filosofia del danshari del fare spazio ed ordinare anche al mondo relazionale e sentimentale. Lasciar andare un amore significa prendere consapevolezza di aver donato e ricevuto, ma al contempo, accettare che si è esaurito.

Le relazioni si concludono e si chiudono, a volte in maniera naturale a volte più intensa, e quasi sempre portano una scia di sofferenza dietro di loro.

Tuttavia è inutile illudersi di poterle conservare e preservare, di poterle riparare dagli acciacchi del tempo, dalle incomprensioni, dagli eventi della vita.

Non è giusto aggrapparsi e portarle avanti per inerzia solo perché ci si è abituati, perché si ha paura del cambiamento, perché rappresentano una comfort zone, perché, fondamentalmente, è troppo doloroso doversi separare da ciò che l’altra persona rappresenta.

Per gustare appieno la vita bisogna abbracciare anche la morte, intesa come la fine di un percorso, di un ciclo, di un tempo e un luogo, di un obiettivo o di un legame. Così come con gli oggetti, succede anche alle relazioni interpersonali.

Lasciar andare il vecchio e il superfluo può rappresentare un’opportunità di rinascita.

Ordinare e successivamente buttare via ciò che ci appesantisce può far spazio al nuovo e ampliare la visuale, permetterci di vedere, provare e fare esperienza di nuove piccole e grandi realtà.

Letture consigliate

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Articoli Correlati

Autostima

Il paradosso dell’ignoranza

A causa dell'Effetto Dunning-Kruger crediamo di essere più intelligenti e più capaci di quanto effettivamente siamo.

Postato da Vincenzo Adamo
Nankurunaisa - Psicologia Orientale

Nanakorobi yaoki

Nanakorobi yaoki, cadere e rialzarsi, è un proverbio giapponese che inneggia alla resilienza e al saper affrontare la vita con coraggio.

Postato da Valentina Ambrosio

Psico·pato·logia utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri e di terze parti. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o qualcuno di questi, leggi la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi